Spesa & impesa: buon viaggio Edoardo!

Questo articolo è stato letto: 2582 volte !

Innanzitutto complimenti per le tue imprese, ho visitato il tuo sito e sono rimasto estasiato dalla quantità di km percorsi e la quantità di posti diversi da te visitati.
Sono anche io un motociclista e un viaggiatore e ti scrivo perché sono in procinto di affrontare un viaggio per l’Europa, non lungo come uno dei tuoi, ma comunque abbastanza impegnativo, di cui ti allego una cartina.

Il percorso è di circa 3500 km , è il viaggio più lungo per me sino ad ora, per cui sto chiedendo informazioni per poter partire al meglio.
Ho letto sul tuo sito che hai una serie di sponsor a tua disposizione che ti forniscono attrezzatura da provare lungo i viaggi e a proposito di questo volevo chiederti in che modo hai contattato gli uffici stampa o marketing, quale è il miglior modo per presentare il proprio progetto e che cosa poter chiedere rimanendo nell’ambito del possibile, sono novizio da questo punto di vista !

Volevo chiederti inoltre se le foto e i video che realizzi ti sono mai stati chiesti , o se hanno qualche possibilità commerciale : ho la possibilità di filmare il viaggio con una telecamera portatile che si può attaccare anche con delle ventose alla moto e mi chiedevo se la realizzazione di un video diario potrebbe interessare a qualcuno , non so un giornale tipo riders o qualcosa di simile, per cercare magari di rientrare un po’ con i costi.

Ultima domanda, e scusa per la lunghezza ma sono davvero eccitato all’idea di partire, l’attrezzatura . Hai una lista delle cose che ti porti dietro durante i percorsi ? Un minimo di esperienza come detto la ho già, per cui set attrezzi , bomboletta e ripara gomme e altri generi di prima necessità li ho già con me, ma non vorrei farmi mai trovare impreparato.

Grazie per l’attenzione e per la passione che ci metti , davvero visibile, le tue risposte mi saranno di enorme aiuto.

Edoardo

Ciao Edoardo e grazie per avermi scritto.
Premessa, scriverò tanto, quindi MAI scusarti con me per una email lunga.

Non occorre fare paragoni fra i viaggi, ognuno ha il suo, ognuno ha le sue esperienze e difficoltà. Ogni viaggio, se ben affrontato, saprà nutrirti.

Studio la tua cartina e sogno: per ora sono fermo, complice la crisi ed il fatto che questo non è il mio lavoro…ma solo un hobby di lusso.

Ti spiego in breve: è, ovvio che progetti del genere abbiano possibilità di ritorni economici ma questo non significa, e parlo purtroppo per esperienza, che l’operazione sia facilmente realizzabile.

Il mio ottenere collaborazioni si basa su passione di anni e su collaborazioni già nate, magari inizialmente gratuite (www.bikersnews.it, www.sicurmoto.it) o su volontariato (sono del direttivo di www.motociclisti-incolumi.com)
E’ ragionevole che collaborando con queste due strutture e viaggiando in moto per passione semplice, la mia rubrica si sia arricchita di numeri telefonici di aziende, motoculub e qualche rivista.


Non manca anche qualche proposta: a volte vengo contattato, per via di una delle collaborazioni (trovi googlando diverse cose da me scritte), ed invitato a provare prodotti nel caso di viaggi. Il punto è che provo la giacca, per esempio, ma chi paga il viaggio?
Per carità, con questo non voglio dire tutto ciò non sia gradito od utile, anzi, affermo però che un viaggio interamente coperto da sponsor è da professionisti e quindi, almeno per ora, non da me.

Resta bene inteso che l’idea e la realizzazione di Roma Caput Nord (rcn) sia legata ad un concetto basilare che porto avanti sa sempre: semplicità, viaggi alla portata di tutti. L’idea era appunto sfatare il mito che questi sono viaggi SOLO da professionisti.
Ho creduto fosse il caso di mirare al sodo: “come funziona”, “quanto costa”, “dove” e “come”. Credo che il progetto, in qualche modo, abbia preso il giusto corso: la testimonianza sei tu che sei qui a scrivermi.


Il progetto RCN non è però del tutto portato a termine: per scelta, per ora, non ho ancora “chiuso” quel blog con un post che in qualche maniera possa riepilogare quanto scritto via via, con l’aggiunta della suddivisione delle spese (vitto,alloggio,carburante).
Sono in contatto con un paio di case editrici che spero decidano per il meglio (Dal mio punto di vista).
Se così non sarà dovrò essere pronto a raccogliere la meravigliosa esperienza e renderla ancor più pubblica senza remore ne rammarichi : il ritorno in termini di visibilità sarebbe comunque un ottimo investimento per le avventure future (una delle quali è già in fase di studio anche se embrionale…).

Come si contatta una azienda? Banalizzerò, non me ne volere: così come hai fatto con me.
Il problema è che purtroppo o per fortuna sono tanti che vorrebbero prodotti o soldi e pochi quelli in grado di rappresentare per una azienda, piccola o grande che questa sia, “un ritorno”. Quanti sono davvero in grado di recensire un prodotto paragonandolo ad altri, avendo nozioni oggettive ed esperienze in grado di essere un valido metro di giudizio?


Senza un curriculum di esperienze, di collaborazioni e conoscenze intese in senso positivo (referenze), è difficile essere accolti, ascoltati.
Ma un curriculum va anche costruito…non credi? Comincia quindi: scrivi ai piccoli, fosse anche il motoricambi del tuo quartiere. Potrebbe offrirti un semplice completo antipioggia in cambio di foto con suoi adesivi sulla carena.
Uno dei nodi su cui riflettere è: vorresti sponsor per partire e vorresti farne un libro? Beh, il ritorno, IMMEDIATO, per lo sponsor, quale è?

Questione filmati:
e’ senza dubbio una buona idea quella di filmare il viaggio così come è buona l’idea di scattare foto. Tieni presente che questo ti impegnerà molto più del previsto, che il bagaglio aumenterà sensibilmente (caricatore, adattatori vari,batterie, custodie, cd, computer…)
Un consiglio, sempre per esperienza: quello che ti sembra bellissimo guidando e che filmerai per ore, alla visione risulterà perfino a te stesso piuttosto noioso.
Finirai per chiederti perché mai quel rettilineo in quel momento era per te degno di nota: le emozioni del momento sono, paradossalmente, catturate meglio da una foto.
E’ un paradosso, oltre ad essere la mia opinione, ma è anche una esperienza maturata a più riprese.
Filma quindi, ma aspettati l’effetto filmino del matrimonio: gli sposi eccitati (o convinti di dover esserlo) a riguardarlo, parenti annoiati sul divano.

Con RCN è capitato e ti faccio inoltre presente che non è stato pubblicato tutto il materiale prodotto…sia a livello di scritti che di audio/video/foto.

Ultima questione: cosa portare.
Non ho liste già pronte e sono sommerso comunque, ma questo per mia natura, da liste di cose da fare,vedere, portare.
Molto dipende da che tipo di moto guidi e da che persona sei. Dipende inoltre da quanti sarete, dal periodo del viaggio, dai tempi e dai costi stimati.

Comincia ad aiutarmi per poterti poi aiutare.

Mi indicheresti il periodo del viaggio? E se venissi anche io?

:-)

Massimo

Ciao Massimo,
grazie della tua risposta così completa e scusa il lungo periodo per risponderti.
Naturalmente puoi pubblicare la mia lettere sul blog, anzi !
Per il periodo io avevo pensato a maggio, facendo un giro approssimativo di 3 settimane. Per la tua presenza , non ci sarebbe problema , anzi un “espertone ” non potrebbe che far comodo !
Devo dirti che purtroppo quello che mi farà decidere o meno se partire è il costo della benzina, visti gli aumenti recenti.
Se sei interessato comunque, fammi sapere, mi fa comunque piacere.

e grazie ancora
Edoardo

Questo articolo è stato letto: 2582 volte !

About Massimo

Massimo Soldini 25/03/1979
This entry was posted in Il viaggio and tagged , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento