Norimberga – Berlino

Questo articolo è stato letto: 2822 volte !

Norimberga – Berlino

Visualizzazione ingrandita della mappa

Tappa molto più leggera della precedente, affrontata con la necessaria calma e sufficienti ore di sonno.

Partenza ore 10 con la necessità di cercare un posto per la colazione: la prima stazione di servizio utile è però dopo oltre 40 km:il risultato è una colazione alle 12 circa con allucinazioni da caprioli a bordo strada.

In questo tratto autostradale non è possibile dimenticare la sosta o rimandare il rifornimento visto che il successivo distributore di benzina è spesso a circa 90km dal precedente.

Benzina mediamente costosa(1,56€/l) e solita infinita scelta del numero di ottani: evitiamo qualsiasi sforzo o sorpresa al motore vincendo anche la curiosità rispetto alle differenze di consumo e risposta del mezzo: meglio non rischiare nessuna mossa che potrebbe compromettere la salute della moto e al sorte del viaggio.

Nelle soste saggiamo le gomme posteriori già visibilmente consumate a causa del peso del carico ed a causa del ritmo che qui in Germania abbiamo elevato sensibilmente complici i limiti di velocità degni di un autodromo.

Bellissima e discplinata la popolazione stradale: persone capaci di passare da circa 200 orari ad 80km/h non appena si intravede il cartello all’orizzonte: nessuno fa manovre pericolose, non ci sono pedaggi e non ci sono guardrail dove non servono evitando così ostacoli che, paradossalmente, potrebbero rivelarsi pericolosi precludendo le vie di fuga.

Il paesaggio di oggi è stato dominato dalle pale utili alla produzione di energia eolica: mentre noi combattiamo ancora per evitare un nucleare costoso e pericoloso c’è chi da tempo ha deciso di impiantare distese a perdita di occhio di pannelli fotovoltaici e foreste di pale eoliche…

La Ktm di David contro ogni previsione sta consumando pochissimo olio ed i rabbocchi programmati sono puntualmente appuntamenti mancati, se non del tutto, in grossa parte.

La situazione della Transalp invece segue il programma: sospensioni troppo molli ed andature elevate danno luogo ad una impronta a terra davvero modesta (pneumatico anteriore).

La gomma anteriore mostra ancora i classici peli da pneumatico appena montato mentre il posteriore, nelle soste, profuma di gomma abrasa e via via va scalettandosi.

Di curve, a parte quelle per le soste rifornimento, non ne abbiamo viste e le tappe sono tutto un pensare, calcolare, riflettere, programmare, ognuno a suo modo, ognuno nel suo casco a parte piccoli gesti di intesa scambiati fra un sorpasso e l’altro, fra un cenno per la sosta e un saluto ai bimbi che dal lunotto ci ammirano.

L’autostrada 9 ci porta quindi fino alla mitica Berlino senza sussulti positivi ne negativi. Unico diversivo al fruscio del vento sono infatti i saluti della gente incuriosita che ci sorride e incoraggia a gesti. Su tutti una vecchina che, completa di bombola per ossigeno, non perde occasione per issarsi ritta sul sedile e gesticolare.

Il navigatore, in combutta con la shell, ci fa percorrere una strada contro ogni previsione ma ci fa guadagnare un ottimo giro turistico visto che solchiamo Berlino da est ad ovest ripassando le viste precedenti nella capitale.

Cena al Sony center, ristorante australiano, giusto perché in attesa di quella di renna, quella di canguro poteva essere una valida alternativa.

Stanchezza accumulata e morale altissimo: a volte è necessario fare esercizi per rilassare i muscoli durante le soste o, addirittura, stando in sella. Collo affaticato, schiena indolenzita e leggeri calli alle mani per i due alla guida.

Colpi di sonno a go-go per i passeggeri che se la spassano girando video di noiose autostrade e di tedeschi sudati ed ingrassati intenti a bere birra in autogrill.

Domani circa 200 km direzione Rostock: alle 22 avremo l’imbarco per Helsinki. 30 ore di navigazione per rifocillarci, ascoltare musica, dormire sonoramente, avvistare balene ed attaccare eventualmente capitan findus al largo della Finlandia.

Massimo

Aggiornamento spese
Percorso: 427 km
Spesa Benzina: 34,78 euro

Consumo medio stimato dalla partenza ad oggi (Transalp): 23 km/l
Consumo medio birre: 1/pasto per persona.

Questo articolo è stato letto: 2822 volte !

About Massimo

Massimo Soldini 25/03/1979
This entry was posted in Il viaggio and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

12 Responses to Norimberga – Berlino

  1. Isa says:

    Massi!!!!! Che palle l’autostrada tedesca, nevvero?
    Non sono riuscita a venire a salutarvi alla partenza, ma vi seguiamo tutti quotidianamente anche da qui (dalla perfida SIN)!
    Un abbraccio forte a tutti e riposatevi in nave.
    Attenti ai rostoccki, che sono pericolosi quasi quanto i minolli.
    Baci!
    p.s. ho un indirizzo email idiota perchè con apostrofo, lo so, ma permettete che si possa registrare lo stesso!
    Isa e Michela

  2. Fabio says:

    Che spettacolo

    certo pero’ che un commentino sulle foto e su cosa sono potresti anche aggiungerlo :-)

    • Massimo says:

      hai ragione, ma se hai fatto caso agli orari di scrittura ti sarai reso conto che il tempo libero è poco e la stanchezza tanta. in ogn caso le foto in notturna sono del sony center a Berlino, il resto penso si deduca. ne abbiamo ovviamente altre ma ne inviamo poche per problemi di velocità connessione e poi così al ritorno bikersnews mi pagherà di più il diario di viaggio, no?

  3. Claudio says:

    Io non ci sono riuscito a portare Renato Brugnola e Gianni Mauro a mangiare il canguro…

    • Massimo says:

      eh..in quella spedizione mancavo io infatti…
      come ora manca il commento di Gianni Mauro qui su web eheh
      Grazie dei commenti, continuate a segurici. spero di poter spesso aggiornare il sito

  4. Stefano says:

    Massimo, mi stupisco del consumo di birra… alza sta media!

  5. maurizio says:

    Ciao Massimo,
    sei già a Berlino!
    complimenti bella media!
    da qui ti seguo con un pizzico di invidia

    A presto

Lascia un Commento